MP Michael Phelps Swim Method
Michael Phelps Swim Method - Level 1

Swim Seat

swim seat

Baby Towel

baby towel

Panoramica

Introduzione al metodo Michael Phelps per l’insegnamento del nuoto

Abilità Natatorie

Abilità principali
e fasi comuni

Prodotti

Imparare a nuotare,
Prodotti didattici

STORIA

Storia del programma di allenamento Michael Phelps Swimming

Livello 1

Bagnarsi: schizzare

Livello 2

Pre-Principiante: galleggiare

Livello 3

Principiante: nuotare

Livello 4

Principiante di livello avanzato: Allenarsi


LIVELLO UNO – BAGNARSI: SCHIZZARE

Il Livello uno è raccomandato per bambini sopra i sei mesi, ma spesso comprende anche bambini di tre o quattro anni. Per questo livello, è previsto che uno dei genitori sia in acqua con il bambino. Alcuni bambini sono nati per stare in acqua, non hanno paura e sono perfettamente rilassati. Altri sono nervosi e impauriti.

In questa fase, l’obiettivo principale è far sentire il bambino a proprio agio nell’acqua. È il momento, per il bambino e per l’adulto, di concentrarsi sul divertimento in acqua per fare in modo che il piccolo viva un’esperienza positiva con una persona di cui si fida.


“Se il genitore riuscirà a trasmettere l’amore per l’acqua al proprio figlio,
mostrandogli la felicità che si può trarre dalle proprietà dell’acqua (stare a
galla, fare le bolle), riuscirà allora a creare una solida base su cui sviluppare le
abilità natatorie.
- Cathy Bennett


GIOCARE PER IMPARARE!

Ecco qui alcune cose che si possono fare in piscina, ma anche in una vasca da bagno, per supportare il bambino nelle primissime fasi di introduzione all’acqua.

Piove, piove – Fate sdraiare il bambino in posizione supina in acqua (nella vasca o in piscina), da solo oppure con un supporto, e, cantando questa canzoncina, versategli delicatamente dell’acqua sulla testa con un annaffiatoio o una brocca, prima sulla parte posteriore della testa, quindi piano piano anche sul viso.

Se sei felice tu lo sai – Usate questa canzone per introdurre un gioco in acqua che preveda di battere i piedi e sollevare schizzi d’acqua dentro la vasca. Quando poi entrerete in piscina, potrete anche fare delle bolle con la bocca o battere le mani sull’acqua.

La piccola teiera – Stando di fronte al bambino, piegatevi da un lato fino a far entrare il suo orecchio in acqua, e fate altrettanto dal lato opposto, magari intonando una canzoncina o una filastrocca divertente.

Il piccolo ragnetto – Compiendo i gesti che accompagnano questa filastrocca, il bambino è costretto a lasciare la presa sull’adulto. Questa può essere un’ottima occasione per usare un sedile galleggiante in modo da avere entrambi le mani libere. “Le ruote del bus” è un’altra canzone perfetta per questa attività.