• 1
  • 2
  • 3
  • 4

Panoramica

Introduzione al metodo Michael Phelps per l’insegnamento del nuoto

Abilità Natatorie

Abilità principali
e fasi comuni

Prodotti

Imparare a nuotare,
Prodotti didattici

STORIA

Storia del programma di allenamento Michael Phelps Swimming

Livello 1

Bagnarsi: schizzare

Livello 2

Pre-Principiante: galleggiare

Livello 3

Principiante: nuotare

Livello 4

Principiante di livello avanzato: Allenarsi


Panoramica

INTRODUZIONE:

C’era una volta un bambino di 7 anni, agitato e irrequieto. I suoi insegnanti dissero alla madre: “Non è in grado di stare seduto composto, non riesce a stare calmo, non è in grado di concentrarsi”. La madre decise allora di iscriverlo a lezioni di nuoto, ma lui avanzava tutte le scuse possibili e immaginabili pur di non entrare in acqua. “Devo andare in bagno! Ho bisogno di mangiare qualcosa!”, urlava. L’istruttrice di nuoto riuscì finalmente a farlo entrare in acqua e capì che il bambino aveva paura di mettere il viso nell’acqua. Lo aiutò a rilassarsi, facendolo galleggiare sul dorso. E finalmente si calmò.

Quel bambino era Michael Phelps. L’istruttrice era Cathy Bennett. Il resto è storia.

Michael Phelps ha imparato a nuotare alla North Baltimore Swim School (NBSS). È in quella scuola che Cathy Bennett lo aiutò a superare la paura dell’acqua. Oggi Cathy Bennett è la direttrice della Michael Phelps Swim School, che propone un programma basato sulla sicurezza in acqua da lei sviluppato presso la NBSS. Questo programma non prevede soltanto l’insegnamento delle capacità motorie del nuoto (gambata, bracciata e respirazione ritmica), ma, cosa più importante, si concentra sulla necessità di comprendere le proprietà dell’acqua (i come e i perché) per far sì che una persona sia pronta, fisicamente e mentalmente, a diventare un nuotatore.

La prima linea di prodotti del metodo Michael Phelps per l’insegnamento del nuoto è stata sviluppata e progettata da Aqua Sphere in stretta collaborazione con Cathy Bennett e la Michael Phelps Swim School. L’obiettivo di questa linea di prodotti è accompagnare il programma offrendo l’attrezzatura più idonea per le prime fasi dell’insegnamento del nuoto, in modo che i bambini possano imparare a STARE IN ACQUA, GALLEGGIARE, NUOTARE e ALLENARSI in totale sicurezza.

Il nuoto è un’abilità e una gioia della vita. L’abilità nel nuoto contribuisce alla sicurezza, al benessere fisico e al divertimento. Questo sito offre molte risorse e idee per aiutarvi ad aiutare i vostri figli a diventare più sicuri e a sentirsi maggiormente a proprio agio in acqua.

Le attività e gli strumenti proposti non rappresentano un’alternativa alle lezioni di nuoto con un istruttore competente ed esperto, ma possono essere d’aiuto per integrare e rafforzare ciò che vostro figlio impara a lezione, permettendovi al tempo stesso di creare un rapporto attivo e coinvolgente con il bambino!


SICUREZZA:

Sebbene i genitori non vogliano incoraggiare la paura dell’acqua, è tuttavia necessario che incoraggino un sano rispetto per il suo potere e per i rischi che può presentare. La necessità che i bambini (in realtà, le persone di tutte le età) siano sicuri in acqua non sarà mai sottolineata abbastanza. L’annegamento è sicuramente il rischio principale quando si parla di sicurezza in acqua: un decesso per annegamento su cinque ha come vittima un bambino sotto i 14 anni e le percentuali più alte riguardano i bambini tra 1 e 4 anni. Ma possono verificarsi anche lesioni di altro tipo, dovute a scivolamenti sul bordo della piscina o tuffi in acqua eseguiti in modo inappropriato. La prima cosa per far sì che vostro figlio sia sicuro in acqua è assicurarvi che sappia nuotare. E se voi stessi non sapete nuotare, non è mai troppo tardi. In tutte le città sono disponibili lezioni di nuoto per qualsiasi età.


Regole importanti per la sicurezza a qualsiasi età

  • Nuotare sempre con un compagno. Deve sempre esserci qualcuno in acqua con voi.
  • Assicurarsi che sia presente un adulto durante il nuoto. Assicurarsi sempre che sia presente un bagnino quando si nuota in una piscina pubblica o in spiaggia.
  • I bordi delle piscine sono SCIVOLOSI... prestare attenzione e non correre. Pool decks can be very slippery.
  • Assicurare la sicurezza dei bordi della piscina. Non lasciare bicchieri o altri oggetti pericolosi a bordo piscina.
  • Guardare prima di tuffarsi. È importante essere sicuri di non saltare su qualcosa (o qualcuno).
  • La prima volta che ci si tuffa, tuffarsi con i piedi. È estremamente importante conoscere la profondità di qualsiasi specchio d’acqua.
  • Prestare attenzione alla contaminazione dell’acqua. Non entrare in acqua per due settimane in caso di malattia gastrointestinale.
    La regola delle due settimane è sempre valida, anche per i bambini che indossano pannolini da piscina.

“Sono stato fortunato a partecipare a un corso
sulla sicurezza in acqua quando avevo cinque anni.
Da allora, la piscina ha rappresentato per me
un posto dove divertirmi, mantenermi in salute,
pormi degli obiettivi, lavorare sodo e acquisire sicurezza.
Adesso tocca a me trasmettere qualcosa."
- Michael Phelps


DISPONIBILITÀ AL NUOTO

Vostro figlio è pronto per le lezioni? A volte la domanda più giusta è: siete pronti affinché vostro figlio o vostra figlia prenda lezioni di nuoto? Ecco alcuni aspetti su cui riflettere:

Perché? La sicurezza al primo posto
Gli obiettivi delle lezioni di nuoto possono essere molti e vanno dall’imparare a nuotare per divertirsi, al nuotare in modo indipendente, sicuro o corretto o ancora progredire come nuotatore a livello agonistico. Noi genitori possiamo coltivare il sogno che i nostri figli diventino dei campioni di nuoto, ma il primo aspetto su cui concentrarsi è la sicurezza in acqua. E questo richiede tempo.

Quando? Linee guida per l’età
Alcuni programmi di nuoto iniziano con bambini di soli sei mesi. Sebbene i bambini di quell’età non abbiano ancora raggiunto uno sviluppo motorio tale da permettere loro di imparare a nuotare, le lezioni di adattamento in acqua per genitori e bambini possono essere un ottimo primo passo. In linea di massima, è bene aspettare che il bambino abbia almeno tre anni prima di iscriverlo a un corso di gruppo dove non è prevista una relazione adulto/bambino di uno a uno.

Chi? Come scegliere l’istruttore
Esistono moltissime opzioni per le lezioni di nuoto, dai dopo-scuola, alle piscine pubbliche o i centri ricreativi, le scuole di nuoto, i club. Il materiale e le raccomandazioni proposti in questo sito sono tratti dal programma di allenamento Michael Phelps Swimming, ma qui sono riportate alcune domande che potrete porre al vostro potenziale istruttore di nuoto in relazione al suo programma per trovare la persona giusta per vostro figlio.

Cosa? Paure comuni e aspettative ragionevoli
È bene che i genitori siano consapevoli delle normali paure e degli ostacoli che spesso i bambini piccoli si trovano a dover affrontare al momento di entrare in acqua. A molti non piace bagnarsi il viso. A molti non piace la sensazione dell’acqua nelle orecchie. Molti non vogliono staccarsi dai genitori, dall’istruttore o dal bordo della piscina. Può essere necessario un po’ di tempo affinché il bambino si senta sicuro di poter galleggiare sul dorso.

Tutte queste paure sono normali. I genitori devono essere pazienti e aiutare il bambino a sentirsi sempre più a proprio agio in acqua. Ciò accade attraverso la fiducia e il gioco. Il bambino deve fidarsi dei propri genitori e dell’istruttore per poter superare queste paure e deve divertirsi quando è in acqua. I bambini piccoli imparano attraverso il gioco. È pertanto fondamentale inserire giochi e canzoncine nelle lezioni.


È inoltre importante ricordare che, come per qualsiasi altra abilità, può volerci del tempo prima che il bambino riesca a nuotare in modo indipendente. Impiegano anni per imparare a camminare, fare le capriole, legarsi le scarpe, usare coltello e forchetta. Alcuni bambini impareranno rapidamente, per altri ci vorrà un po’ più di tempo. Potrebbero sentirsi frustrati, voi potreste sentirvi frustrati, ma siate certi che, con la pratica e l’incoraggiamento costanti, il vostro bambino imparerà a nuotare in modo competente, indipendente e sicuro.

“Quando i bambini dicono di non voler venire a lezione,
si tratta generalmente di un’insicurezza legata
all’acqua e alle loro abilità in acqua. Potrebbero sentirsi
a proprio agio nel provare a fare delle cose in modo indipendente, ma
anche in ansia quando pensano che l’istruttore possa chiedere
loro di fare determinate cose.


È importante aiutare il bambino
ad affrontare l’incertezza
piuttosto che ignorarla.

In questa situazione, quando i genitori decidono di ‘fare una pausa’
per risolvere questo problema, ciò che fanno è in realtà
rafforzare le naturali paure del bambino.”

- Cathy Bennett




La Michael Phelps Swim School LLC, MMPP, LLC, Michael Phelps e Technisub SpA non intendono il Michael Phelps Swim Method come strumento per imparare a nuotare su questo sito, sostituendolo a lezioni di nuoto professionali tenute da istruttori certificati. Il Michael Phelps Swim Method è da intendersi come suggerimenti per l’allenamento e in alcun modo garantisce che il bambino impari a nuotare.

Per prevenire incidenti, la supervisione costante da parte di un adulto è necessaria. Non lasciate mai da solo un bambino vicino o in acqua se non ha la corretta abilità acquatica richiesta.

L’annegamento può essere un assassino silenzioso se semplicemente il bambino rimane a faccia in giù pur essendo ancora in superficie o rimanere in silenzio sott’acqua anziché urlare per chiedere aiuto, annaspare o produrre schizzi in acqua con gambe e braccia nel tentativo di rimanere in superficie.

La possibilità di annegamento rimane durante il nuoto, indipendentemente dal fatto che il nuotatore indossi o meno un dispositivo di galleggiamento. Per evitare di battere la testa o procurarsi lesioni personali, è sempre meglio conoscere la profondità dell’acqua prima di tuffarsi o saltare. Per evitare di scivolare e cadere è sempre meglio camminare sia dentro sia fuori dall’acqua.

Questo sito utilizza cookie per migliorare la vostra esperienza di navigazione e raccogliere informazioni analitiche generali. Aqua Lung dà molta importanza alla privacy ed utilizza tecniche anonime per garantire che nessun dato personale venga registrato.